EICMA 2021, il ritorno della passione

Serviva un segnale forte, un atto di volontà per dare continuità a una storia che si perpetua dal 1914, interrotta solo dai due conflitti mondiali e, lo scorso anno, dalla situazione che tutti conosciamo.

Così, dopo l’annullamento del 2020, EICMA è tornata al ruolo che le compete, quello di evento-faro per il mondo della motocicletta e per la sterminata schiera di appassionati che vi ruota intorno.

Sono state infatti oltre 340.000 le persone che hanno visitato i cinque padiglioni destinati ad accogliere i principali protagonisti della scena motociclistica mondiale. Nonostante la mancanza di nomi di rilievo – BMW, KTM, Harley-Davidson, Ducati, Husqvarna – abbiamo comunque trovato interessanti novità, per chi come noi è incline al viaggio e all’avventura, negli stand di Yamaha, Benelli, MV Agusta, Sena e altri ancora.

Vedi anche:
Corsi di guida off road da Ducati

La presenza di RoadBook a EICMA non si è però limitata agli impegni professionali ma, come da tradizione, la nostra postazione ha funto da campo base per quella pletora di appassionati che ha ormai inserito trai i punti fissi dell’evento il passaggio al nostro stand.

Lo stand di RoadBook è il campo base dei motoviaggiatori

Siete stati in molti a farci visita, per un saluto veloce, per una chiacchierata o una rimpatriata, o per rinnovare l’abbonamento – cosa che hanno fatto anche molti nuovi lettori.

Ciò è stato possibile anche grazie ai nostri ospiti: Lorenzo Piolini, giovane viaggiatore prestato alla Dakar – sarà infatti al via anche dell’edizione 2022 – Simone Zignoli, conosciuto per le sue avventure motociclistiche a sfondo sociale, e Cosimo Pintore, artefice del progetto Zitaontheroad, un viaggiatore che ha scritto un libro sulle avventure a sei zampe con la sua inseparabile bassotta Zita e che organizza una raccolta fondi per diverse organizzazioni cinofile.

Vedi anche:
Kappa KV30 EVO Grayer, all’avventura con stile

Il sabato pomeriggio, infine, abbiamo raccolto una piccola folla in occasione dell’ormai classico aperitivo di RoadBook.

Come prevedibile, non abbiamo fatto fatica a smaltire vino, salumi e formaggi marchigiani offerti da Michele e Claudia, il braccio e la mente della 1000 Curve, i quali hanno approfittato dell’occasione per illustrare il programma dei loro appuntamenti per il 2022.

In conclusione, ci sentiamo di affermare che questa edizione di EICMA, seppur con il serbatoio dei grandi nomi non completamente pieno, è servita a scoccare la scintilla per riaccendere il motore della passione e dell’interesse verso la moto e, ci auspichiamo presto, anche verso nuovi orizzonti di passione.