ACT Croatia: il video dell’avventura balcanica

Adventure Country Tracks ha pubblicato la sera di Natale 2023 sul proprio canale YouTube il film che documenta il viaggio in moto compiuto dai membri dell’associazione lungo le piste della Croazia.

“ACT Croatia” è il racconto in video di quattro giorni tra montagne, foreste e scenari rocciosi in un crescendo di difficoltà; non sono mancate salite sterrate e altipiani sconfinati, e cartelli indicanti campi minati non ancor mappati da cui tenersi alla larga, ma anche momenti di relax e pace come la deviazione sull’isola di Hvar.

Ospite d’eccezione è stato l’attore e avventuriero Charley Boorman che, insieme ai membri dell’associazione e ai loro partner dell’industria motociclistica, ha affrontato le fatiche del settimo giro organizzato da ACT su un totale di 835 chilometri, da capo Kamenjak in Istria fino al terminal traghetti di Spalato.

Vedi anche:
Entiendo: il documentario su MotoForPeace in Sud America

Con il 75% di off road, il percorso croato si attesta come uno tra i più impegnativi tra quelli proposti da Adventure Country Tracks, con tappe giornaliere da oltre 220 km che impongono di valutare attentamente le proprie capacità prima di intraprendere quest’avventura.

La traccia GPX del percorso è disponibile sul sito di ACT, e chi vorrà percorrere l’itinerario può intanto gustarsi il video per capire cosa lo aspetta. Come per gli altri itinerari già presenti sul sito di ACT, anche il download della traccia croata sarà riservato ai soli membri iscritti.

Fondata nel 2016, Adventure Country Tracks è un’associazione tedesca nata con lo scopo di promuovere viaggi e avventure in moto su tracciati entro-fuoristrada europei, con un occhio di riguardo alle tipicità locali e ai comportamenti responsabili da parte del motoviaggiatore.

Vedi anche:
Chris Birch ospite al KTM Adventure Rally italiano

Ogni anno l’associazione pubblica un video con relativa traccia, il cui download è consentito solo ai membri, di un itinerario interamente realizzato in una sola nazione (nel 2019 è stata la volta dell’Italia) per un totale, al momento, di sette percorsi per altrettanti stati europei.