moto per viaggiare in due 2021

Le sei moto del 2021 più comode per viaggiare in due

Alla guida della nostra due ruote riusciamo a dare libero sfogo alla voglia di evasione e di libertà. Alcuni amano viaggiare in solitudine, mentre altri adorano condividere le proprie esperienze con un compagno o una compagna di viaggio. Proprio per questi ultimi abbiamo stilato una classifica delle migliori moto del 2021 per viaggiare in due.

di Riccardo Fiabane


Honda Africa Twin CRF 1100 L

Honda Africa Twin crf 1100 L è la moto pensata per affrontare in sicurezza anche i percorsi off road, grazie a una combinazione perfetta tra telaio, carene e posizione di guida. Per un controllo ottimale anche nel fuoristrada la Honda Africa Twin CRF 1100 L ha anche la posizione di guida progettata sia per poter guidare seduti che in piedi.

Il motore bicilindrico da 102 cavalli di potenza assicura ottime prestazioni sia su un sentiero di ghiaia che su una salita rocciosa anche in presenza di passeggero. Grazie allo schermo touch screen TFT a colori da 6,5″ è possibile avere tutto sotto controllo durante la guida, mentre la piattaforma inerziale IMU regola la forza frenante in relazione alla velocità, all’angolo di inclinazione e al rapporto di slittamento delle due ruote garantendo così sempre una perfetta aderenza al fondo stradale anche in caso di bagnato.

Vedi anche:
Yamaha Dolomiti Ride 2018

BMW R 1250 GS

Marca leader nel settore motociclistico, l’azienda bavarese propone una due ruote con cui viaggiare in compagnia risulta veramente piacevole. Si tratta della BMW R 1250 GS, che grazie al controllo della partenza in salita e alle sospensioni Telelever e Paralever (rispettivamente sul lato anteriore e su quello posteriore), assicura una ottima guidabilità anche quando si viaggia in coppia e la massima sicurezza sia per il pilota che per il passeggero.

Negli ultimi aggiornamenti troviamo anche un controllo elettronico delle sospensioni e la possibilità di avere la sella riscaldata: un comfort che può davvero fare la differenza in occasione di una gita sulle due ruote nei mesi più freddi dell’anno o in alta quota.

Vedi anche:
GS Trophy 2018: destinazione Mongolia

Ducati Multistrada V4

Firmata dal celebre marchio bolognese la Ducati Multistrada V4 ha conquistato gli appassionati, con il suo motore regolare ed estremamente potente e una grande facilità di guida. Dimensioni abbondanti e peso non proprio contenuto sono bilanciati da un motore perfettamente bilanciato e un’elettronica al top. Nel complesso si tratta di una maxienduro che offre ottime prestazioni, sia per quanto riguarda il comfort di marcia sia sotto il profilo della facilità di guida.

Yamaha Niken GT

Non passa certo inosservata la Yamaha Niken GT, con il suo design insolito a tre ruote. Eppure guidandola si scopre che si tratta di una vera moto, alla portata di tutti e anche sul bagnato si dimostra perfetta per viaggiare anche con il kit di borse. Fin dal suo debutto, la Yamaha Niken GT ha diviso equamente il pubblico tra coloro che ne osannavano le prestazioni e chi invece si mostrava scettico verso un design decisamente fuori dagli schemi.

Vedi anche:
Giorgio Monetti: il mondo prima di altri

Guidandola si scopre che sia tecnicamente sia sotto il profilo del piacere di guida questa moto non ha niente da invidiare alle più classiche due ruote. Manubrio allungato e sella leggermente spostata all’indietro sono il binomio ideale per un comfort davvero sorprendente, mentre lo stile volutamente provocatorio della parte anteriore si completa con un parabrezza alto che ne aumenta la protezione aerodinamica offrendo anche ottime prestazioni in caso di pioggia. Sicuramente la Yamaha Niken GT è la tre ruote perfetta per coloro che amano viaggiare tutto l’anno anche in compagnia.

KTM 1290 Super Adventure

KTM 1290 Super Adventure è la maxienduro che il marchio austriaco ha sviluppato intorno al bicilindrico LC8 a V di 75° da 1301 cc. I carter motore più sottili e un nuovo circuito dell’olio più leggero (rispetto al precedente pesa 1,6 kg in meno) donano al motore Euro 5 una maggiore potenza. Nel complesso la maxienduro di Mattighofen riesce a regalare sensazioni uniche alla guida e un comfort adeguato anche quando si decide di viaggiare in coppia, grazie anche alla sella più bassa e comoda rispetto alla versione precedente e alle modifiche apportate al cambio e all’ergonomia.

Vedi anche:
Travellers Camp Urban: a caccia di aurore

Harley-Davidson Pan America 1250

Motore potente e dolce al tempo stesso, gentile ai bassi, la Harley Davidson Pan America 1250 esprime tutta le potenzialità e la personalità della Casa americana che per la prima volta ha messo a punto una maxienduro. Personalità estetica dirompente, come nella migliore tradizione H-D, ha veramente tutte le carte in regola per offrire eccellenti prestazioni sia su strada che off road.

Il comfort alla guida è quello che ci si attende dal marchio statunitense, con una triangolazione corretta e il doppio sedile pilota e passeggero estremamente comodi. Il comfort diventa eccezionale se si sceglie di dotare la Harley Davidson Pan America 1250 dell’optional per l’altezza adattiva automatica: in questo caso è possibile avere il posteriore che si abbassa automaticamente quando la moto si ferma, consentendo così a tutti di toccare bene terra con i piedi.