Si scaldano i motori per il rally benefico che si correrà in Africa dal 28 dicembre al 10 gennaio 2021. L’evento si svolgerà nonostante le difficoltà logistiche dettate dall’epidemia in corso e gli organizzatori stanno lavorando alacremente per garantire la fattibilità della corsa benefica e la massima sicurezza dei partecipanti.

È notizia dei giorni scorsi che il Marocco ha cessato l’obbligo di essere sottoposti a esame semiologico COVID-19 per l’ingresso nel Paese, ma rimane l’obbligo di un tampone con esito negativo certificato massimo 72 ore prima dell’arrivo e una prenotazione (confermata per iscritto) del luogo scelto per il primo pernotto.

In virtù della situazione, la direzione di gara ha deciso di posticipare al 15 ottobre 2020 il termine per i pagamenti delle quote di beneficenza e per l’invio dei dati richiesti in sede di accettazione della candidatura per i partecipanti già selezionati, nonché per inviare nuove candidature last minute.

Ricordiamo che la Rust2Dakar “gioca” a fare il rally, ma si tratta di una scorribanda aperta a qualsiasi mezzo su ruote che attraverserà il Marocco e la Mauritania per giungere al lago Rosa di Dakar, dove i team lasceranno le loro moto, auto o furgoni da donare in beneficenza.