Suzuki presenta a EICMA la nuova GSX-S1000GX

La Casa di Hamamatsu svela al Salone di Milano la nuova GSX-S1000GX, una Crossover che si pone come anello di congiunzione tra le Sport Tourer e le Adventure Tourer.

Da una parte prestazioni e telaio da vera superbike, dall’altra posizione di guida comoda, anche per i lunghi viaggi, e una grande praticità. Completa tutto un avanzato pacchetto tecnologico, nel quale spiccano le sospensioni a controllo elettronico e una moltitudine di evoluti sistemi di assistenza al pilota.

La sua struttura è stata ottimizzata in galleria del vento e monta paramani e parabrezza regolabile su tre posizioni, di serie.
Il gruppo ottico è full LED e la posizione di guida ricerca un giusto equilibrio di comodità e controllo.

Vedi anche:
40 anni di Yamaha Ténéré: grande festa a Bobbio

La GSX-S1000GX eredita il motore a quattro cilindri da 152 CV e 106 Nm di coppia, abbinato alla frizione servoassistita con antisaltellamento SCAS. Questo propulsore è inserito in un telaio a doppia trave in alluminio, lo stesso materiale impiegato anche per il forcellone derivato direttamente da quello della GSX-R1000.

A livello ciclistico troviamo al debutto le prime sospensioni elettroniche mai impiegate su una Suzuki di serie. Le Suzuki Advanced Electronic Suspensions (SAES) sfruttano una forcella Hitachi Astemo (Showa) SFF-CA e un ammortizzatore posteriore BFRC-lite.

Grazie a queste soluzioni, la GSX-S1000GX è in grado di adeguare l’assetto in tempo reale. Un primo esempio viene dalla innovativa tecnologia Suzuki Floating Ride Control (SFRC) che modifica l’idraulica delle sospensioni per consentire di copiare al meglio le sconnessioni.

Vedi anche:
Suzuki 4U: l'estensione di garanzia a quattro anni

Il Suzuki Velocity Dependent Control (SVDC), invece, varia le logiche di smorzamento in base alla velocità con cui le sospensioni sono sollecitate, mentre il Suzuki Deceleration Damping Control (SDDC) funge da anti-dive, rendendo più graduale il trasferimento di carico sull’anteriore nelle frenate più decise.

Per sfruttare al meglio tutte le potenzialità delle Suzuki Advanced Electronic Suspensions, Suzuki propone sulla GSX-S1000GX l’ultima e più evoluta versione del Suzuki Intelligent Ride System (SIRS), che gestisce in maniera integrata l’elettronica di bordo sulla base anche dei dati rilevati attraverso una piattaforma inerziale IMU a sei assi.

Entrando nel dettaglio, il SIRS integra il selettore delle modalità di guida Suzuki Drive Mode Selector Alpha (SDMS-α) con tre mappe disponibili. A ciascuna di esse sono associati di default specifici livelli d’intervento dello Smart TLR Control (traction, lift and roll control) e diverse tarature dell’Adaptive Damping Control.

Il pilota può variare a piacere ogni singolo parametro all’interno di ogni riding mode

Un’ulteriore novità è rappresentata dal Suzuki Road Adaptive Stabilization (SRAS). Si tratta di un sistema che rileva i fondi sconnessi, modifica le impostazioni idrauliche delle sospensioni e rende più graduali le risposte dei corpi farfallati a controllo elettronico ai movimenti dell’acceleratore rid-by-wire, in modo da garantire la marcia più fluida possibile.

Vedi anche:
KTM presenta la nuova 390 Adventure 2024

A tutto questo la GSX-S1000GXaggiunge gli Automatic Rear Suspension Modes, con la gestione elettronica del precarico molla della sospensione posteriore per impostare il precarico su uno dei tre step previsti: solo pilota, pilota più bagaglio oppure pilota più passeggero.

Il sistema SIRS include: Suzuki Easy Start System, Smart Cruise Control, quickshifter Bi-Direzionale, Slope Dependent Control System, ossia il sistema di ripartizione della frenata in discesa utile a prevenire il sollevamento della ruota posteriore e il Motion Track Brake System, evoluto anti bloccaggio ABS con funzione cornering.

Un’altra peculiarità della GSX-S1000GXè la strumentazione TFT LCD a colori da 6,5 pollici, che può essere connessa agli smartphone iOS oppure Android. Installando l’app gratuita Suzuki my SPIN è possibile accedere anche in marcia ai contatti, alle mappe, alla musica, alle funzioni telefoniche e al calendario del proprio telefono.

Vedi anche:
Quattro nuovi interfoni da Sena

La moto può essere personalizzata grazie a un ricco catalogo di accessori originali in cui spiccano le borse laterali da 36 litri, ciascuna capace di accogliere al proprio interno un casco integrale.

La GSX-S1000GX ha un peso complessivo in ordine di marcia di 232 kg e sarà disponibile in tre livree: Blu Miami, Nero Dubai e Verde Rio e arriverà in Concessionaria da inizio 2024 al prezzo di 17.600 euro.