WIMA Italy si racconta da Enduro Republic

WIMA – Women’s International Motorcycle Association – è un’associazione internazionale fondata da Louise Scherbyn nel 1952, una donna americana che negli anni trenta percorre strade dalla California al Canada in cerca di altre motocicliste, in sella alla sua Indian.

Nel 1958, questa associazione che unisce motocicliste di qualsiasi età alla guida di mezzi a due o tre ruote, si espande dapprima in Europa per poi raggiungere Asia e Oceania.

Oggi conta 47 sedi nazionali tra le quali risponde all’appello anche l’Italia che nel 2020 inaugura la sua divisione, capitanata dalla Presidente Rosaria Fiorentino.

Anziché viaggiare in solitaria, grazie al supporto di un team affiatato, le associate di WIMA Italy si connettono, s’incontrano, viaggiano in lungo e largo per l’Italia e l’Europa e, il prossimo 3 e 4 dicembre, si ritroveranno per la seconda volta nella club house di Enduro Republic a Grazzano Visconti dove siamo stati anche noi per la partenza della Grazzano-Mare raccontata su RoadBook 29.

Vedi anche:
Brema Adventure-Sport, completo in stile regolarità

“WIMA Italy si racconta” questo è il nome dell’evento, concepito affinché le socie del club condividano le loro esperienze di viaggio e di passione.

Motocicliste come Sandra Luzzani testimonieranno il loro modo di viaggiare e il contatto con i territori e le persone incontrate e che incontreranno, nuove viaggiatrici come Michela Bertocchi, Greta Trabacchin, Anna Polame e Francesca D’Alonzo pronte a testimoniare cosa le ha portate a vivere nuove avventure in sella a una moto.

L’evento sarà un’occasione per conoscere il variegato mondo WIMA, fatto di passione per le due ruote e una grande voglia di scoprire nuovi mondi e non solo.

Dal suo debutto in società, infatti, WIMA Italy insieme alle altre 46 divisioni nel mondo tende una mano alle associazioni che supportano donne vittime di violenza e proprio in questi giorni in cui il mondo celebra la loro giornata, a Grazzano Visconti la delegazione italiana devolverà un suo contributo a “Scarpetta Rossa”.

Vedi anche:
HardAlpiTour 2018, le novità della decima edizione