Rust2Dakar 2023: al via la terza edizione

Partirà il prossimo 28 dicembre l’edizione 2023 della Rust2Dakar, il rally di beneficienza  ormai noto agli appassionati di auto e moto in cerca della loro personale “avventura africana” a cui abbiamo partecipato nella scorsa edizione.

La terza edizione dell’iniziativa organizzata da Tavolo8 ODV è unica nel suo genere: attraverso cinque stati (Marocco, Mauritania, Senegal, Gambia e Guinea Bissau), i concorrenti sperimentano il meglio del West Africa, dal deserto alla foresta tropicale, toccando con mano la ricchezza umana e naturalistica dei luoghi, alcuni dei quali ancora del tutto incontaminati.

Venti i mezzi in gara – tra cui un’autoambulanza che verrà donata al Centro Pediatrico di Bissau della Fondazione Renato Grandi di Lugano – e ben cinquanta i concorrenti che hanno aderito a questa edizione del rally.

Vedi anche:
L'airbag meccanico A-BAG FULL LINK di ALIKE

La carovana punterà verso il Senegal, attraversando i luoghi mitici della Paris-Dakar degli anni ‘80, fino al passaggio della frontiera della Guinea Bissau. Una volta giunti a destinazione, i veicoli rimarranno a disposizione dell’organizzazione, per essere destinati ai diversi progetti di cooperazione o utilizzati per finanziare gli stessi.

Tra i partecipanti, anche tre coraggiosi adolescenti accompagnati dai loro genitori, insieme a numerosi volti noti, fra cui lo youtuber Jacopo D’Alessio, la giornalista Irene Saderini, il viaggiatore e scrittore Simone Cannizzo e il pilota della Dakar Lorenzo Piolini, nostra vecchia conoscenza.

Rust2Dakar 2023 è frutto della grande passione per i raid africani, l’avventura e gli sport motoristici che accomuna tutti gli organizzatori. Ma è soprattutto un’importante occasione per investire in progetti di cooperazione per l’area posta tra l’estremo sud del Senegal e la Guinea Bissau, rimasta per anni isolata per motivi geografici e per le scelte economiche e politiche che l’hanno interessata.

Vedi anche:
Pozzis, Samarcanda: la presentazione del film a Como

A fianco dei progetti già in atto dedicati alle donne e ai bambini – realizzazione di infrastrutture sanitarie e scolastiche, progetti di microcredito femminile e imprenditoria etico-solidale, collaborazione con le realtà associative locali – Tavolo8 ODV è al lavoro sul progetto “Garage Ze”.

Il progetto ha l’obiettivo di ridare vita a una grande officina nel villaggio di Suzana in Guinea Bissau (costruita da Padre Giuseppe “Zè” Fumagalli, un missionario oggi rientrato nel nostro Paese) trasformandola in scuola di formazione per giovani meccanici e, allo stesso tempo, un “caravanserraglio” per tutti i viaggiatori che con qualsiasi mezzo si dirigono verso sud.