Un libro per fare strada

Venerdì 16 settembre si terrà a Verona la presentazione del libro “L’uomo che non si sarebbe fermato davanti a nulla” edito da La Mala suerte Ediciones.
Insieme a Marina Cianferoni – instancabile anima della piccola ma agguerrita casa editrice – ci sarà anche l’autrice del racconto, quella Melissa Holbrook Pierson scrittrice e appassionata motociclista che già diede alle stampe “Il veicolo perfetto”, il libro che racconta dieci anni di viaggi personali a cavallo della sua Moto Guzzi.

“L’uomo che non si sarebbe fermato davanti a nulla” racconta delle gesta di John Ryan, un motociclista americano abituato a percorrere lunghe distanze a tempo di record. Negli Stati Uniti quelli come lui li chiamano “Iron Butt”: chiappe di ferro. Tra il 2008 e il 2009 John cominciò a far parlare di sé per le sue imprese estreme che lo portarono alla ribalta della scena motociclistica nordamericana all’alba dell’avvento dei social.

Vedi anche:
Dakar, si sente profumo d'Africa

L’autrice ha scavato nella storia di John, cercando di capire cosa alimentasse l’animo inquieto di un uomo per portarlo ad affrontare la strada in quel modo e a mettersi continuamente alla prova con sé stesso. Il senso di sfida, la forza interiore, il bisogno di situazioni stimolanti: sono tutte motivazioni plausibili, capaci di far compiere azioni eclatanti per raggiungere la notorietà o forse, più semplicemente, un particolare equilibrio personale.

L’appuntamento – organizzato in collaborazione con la Libreria Gulliver – è per venerdì 16 settembre alle ore 19.00 presso Tennis Pineta, via Camuzzoni 1/a Verona. L’ingresso è libero ed è disponibile un ampio parcheggio gratuito per le moto.