Sardegna Gran Tour 2024: arriva il Way Point Trophy

L’edizione 2024 del Sardegna Gran Tour si svolgerà dall’11 al 14 aprile e porterà i partecipanti a scoprire strade e sentieri della parte occidentale dell’isola.

L’itinerario dell’evento organizzato da Adventure Riding si snoda su tre tappe: dopo lo sbarco a Porto Torres, si punta verso Alghero, Bosa Marina e le scogliere dell’Oristanese per arrivare lungo un percorso prevalentemente costiero ad Arborea, che sarà la base per i due giorni successivi.

La seconda tappa prevede un giro ad anello alla scoperta delle dune di Costa Verde e delle miniere abbandonate del Sulcis, con una grande varietà di terreni e viste mozzafiato. Infine la tappa di rientro a Porto Torres inizierà tra le pale eoliche del monte Grighine per proseguire tra muretti in pietra e massicciate ferroviarie abbandonate fino all’arrivo alla spiaggia di Platamona.

Vedi anche:
C'è gas e gas: The Bikerchefproject

Sardegna Gran Tour 2024: tracciati e categorie

Rispetto all’edizione dello scorso anno, che vi abbiamo raccontato su RoadBook 38, l’evento adventouring in Sardegna vede importanti novità. Oltre al tracciato On/Off, con il 70% di strade sterrate, ci sarà il percorso stradale percorribile anche con passeggero.

Tutti i partecipanti, inclusi i passeggeri, dovranno essere iscritti a un motoclub FMI e in possesso della tessera per l’anno in corso; trattandosi di strade aperte al traffico, i piloti dovranno inoltre essere in possesso di patente di guida valida per il motociclo iscritto.

La categoria Road ha il 100% di strade asfaltate ed è percorribile anche con passeggero; è aperta a moto, scooter e moto vintage (ovvero immatricolate entro il 31/12/1999) di peso superiore ai 150 Kg.

Vedi anche:
QUADRO alla HAT, missione compiuta

La categoria On/Off Adventouring è riservata a moto da entro-fuoristrada, da enduro, scooter e moto vintage di peso superiore a 150 Kg. I tratti asfaltati saranno in comune alle due categorie, con ritrovo dei partecipanti a metà tappa per un ristoro con prodotti tipici.

Il Way Point Trophy è la sfiziosa novità che premia le capacità di orientamento dei piloti. Il percorso di base è quello della categoria On-Off Adventouring, ma per alcuni tratti la traccia GPX si interrompe e bisogna individuare il percorso che unisce nel giusto ordine i waypoint ricevuti insieme alla traccia.

Successivamente la traccia riprende fino a un nuovo tratto di navigazione a Waypoint e così via. I piloti di questa categoria sono muniti di un logger che ne registra esattamente il percorso. Vince chi raggiunge nell’ordine prefissato tutti i waypoint e fa il chilometraggio più vicino a quello calcolato dall’organizzazione.

Vedi anche:
Culuccia, isola di emozioni e di avventura con Yamaha

Per i partecipanti nelle categorie “On/Off”, sono obbligatori pneumatici tassellati e navigatore satellitare o smartphone con app che consente la lettura di file GPX.

I premi del Sardegna Gran Tour 2024

Il Way Point Trophy è una formula interessante, che offre in più il sale della sfida a chi non si accontenta di partecipare come turista seguendo la traccia GPX nelle categorie On/Off Adventouring o Road.

In palio ci sono treni di pneumatici Metzeler, smartwatch Garmin e per la classifica finale al termine dei tre Gran Tour (Sardegna, Toscana, Umbria), la partecipazione alle edizioni 2025 di Sardegna Gran Tour, Swank Rally Tunisia e Swank Rally di Sardegna.

Vedi anche:
L’edizione 2021 del Motor Bike Expo si terrà a giugno

Oltre alla tessera FMI, per la partecipazione alle tre categorie è necessario presentare certificato medico di sana e robusta costituzione emesso dal medico di base. Per il programma completo e le iscrizioni consultare il sito di Adventure Riding.