Moto Guzzi V85 TT: le nostre modifiche per viaggiare

Abbiamo apportato a una Moto Guzzi V85 TT tutte le modifiche per viaggiare e affrontare il fuoristrada turistico. Le scelte rispondono ai requisiti di comfort e dotazione che ogni moto dovrebbe avere per viaggiare e sono quindi replicabili su altri modelli.

di Antonio Femia


Arrivata sul mercato nel 2019, la Moto Guzzi V85 TT ha avuto un grande successo trasversale alle diverse tribù di motociclisti. Viaggiatori incalliti, passeggiatori contemplativi, frequentatori degli eventi adventouring: la tuttoterreno di Mandello si è dimostrata versatile e capace, forse anche più di quanto i suoi stessi progettisti si aspettavano.

Il motore generoso ma non irruento e l’ottima ciclistica fanno della V85 TT una macinachilometri già con le dotazioni di fabbrica, ma per sentirla come parte di sé e ottenerne il meglio è importante dotarla dei giusti accessori in base alle proprie necessità e all’utilizzo previsto.

Abbiamo allestito la Moto Guzzi V85 TT per viaggiare in due, dotandola inoltre delle protezioni necessarie per affrontare il fuoristrada in sicurezza. Alcuni dei componenti utilizzati sono realizzati specificamente per questo modello di moto, ma buona parte degli accessori e i concetti generali valgono per tutte le due ruote.

Per effettuare i lavori ci siamo affidati alle sapienti mani dei meccanici di GP One Milano che oltre alla competenza – si tratta di un’officina autorizzata di vari marchi tra cui anche Moto Guzzi – hanno la santa pazienza di ascoltare le follie che ci vengono in mente e il prurito alle mani per farle diventare realtà.

Il consiglio che vi diamo, a prescindere dalla moto posseduta, è di farci qualche centinaio di chilometri prima di scegliere gli accessori e le modifiche da effettuare, perché è solo con l’uso nelle diverse situazioni che si comprendono le proprie reali necessità. Per lo scrivente si tratta di viaggiare in due e praticare del sano adventouring, con un bagaglio modulabile in base alle situazioni e sempre con l’attrezzatura fotografica al seguito.

Vedi anche:
Tante novità per i bagagli da Amphibious

V85 TT, migliorie tecniche ed ergonomia per viaggiare

1 Terminale di scarico Mivv Oval in titanio. Al posto del pesante e ingombrante scarico originale abbiamo optato per questo, più piccolo e leggero, che ferma l’ago della bilancia a 3,2 kg (2,2 kg in meno dell’originale) ed essendo più aperto permette al motore di girare libero e di salire di giri più rapidamente. Le misurazioni al banco condotte dal produttore hanno rilevato un aumento di potenza di 2,2 CV.

Non abbiamo avuto modo di verificare il dato ma la risposta è senza dubbio più pronta e anche il sound è più corposo ma educato, il che non guasta. II corpo in titanio, inoltre, favorisce inoltre una rapida dissipazione del calore e le gambe del passeggero ringraziano.

2 Conversione BarTubeless delle ruote a raggi. È ormai inammissibile usare le camere d’aria su una moto destinata ai viaggi e per risolvere il problema ci siamo affidati a BarTubeless, l’azienda pavese che trasforma in tubeless i cerchi a raggi di qualsiasi moto mediante l’applicazione di una guaina polimerica al loro interno.

Oltre a poter riparare la gomma senza smontare nulla, il sistema permette di alleggerire le masse non sospese, migliorando di molto la guidabilità in curva e l’agilità nel misto: miglioramenti impagabili come la possibilità di riparare una foratura senza dover smontare la ruota.

Nel nostro caso è stata sufficiente l’installazione della guaina ma, se necessario, l’azienda può sostituire il cerchio o i raggi con altri più robusti. Molto pratico il servizio di ritiro e riconsegna: un corriere è venuto a prendere i cerchi da GP One per riconsegnarli qualche giorno dopo, imballati con tutte le protezioni e pronti per essere gommati ed equilibrati

Vedi anche:
Bustine riscaldanti, un piccolo trucco contro il freddo

3 Parabrezza Ermax. Alto 48 cm, il parabrezza elimina le turbolenze da spalle e testa migliorando anche il flusso sulle braccia grazie ai deflettori. Il parabrezza Ermax per V85 TT, importato e distribuito in Italia da 4Moto, offre un buon compromesso tra visibilità in fuoristrada e protezione alle alte velocità.

Cosa che non guasta, la linea spigolosa dona alla moto un look più intrigante. Si fissa ai punti d’attacco esistenti ed è dotato di spessi gommini antivibrazione.

Le feritoie in basso, oltre a convogliare l’aria sopra il casco, aiutano a raffreddare il Garmin zūmo XT o qualunque altro dispositivo di navigazione. Questo trova posto sulla barra cockpit di Gamma Zinken in acciaio verniciato e alluminio; la staffa tubolare da 11 mm si fissa ai due attacchi del parabrezza e, priva di elementi a sbalzo, è esente da vibrazioni moleste.

4 Pedane ION SW-Motech. Le scomode e inspiegabilmente piccole pedane pilota originali sono state sostituite con queste in acciaio, che offrono una superficie di appoggio ampia e un profilo arrotondato che segue l’andamento della suola in tutte le posizioni. Le pedane sono regolabili in altezza di 15 mm.

5 Pedale freno High Grip. Un altro mistero progettuale della V85 TT è il pedale freno identico a quello delle marce; l’abbiamo prontamente sostituito con uno in acciaio verniciato nero e profilo dentellato, reperibile sui siti specializzati in accessori per le moto di Mandello, ma inesistente su quello della Casa; cercatelo col codice 2S001391.

Protezioni e accorgimenti per l’off road

6 Paracoppa Gamma Zinken. Abbiamo eliminato il debole paracoppa originale sostituendolo con quanto di più robusto ci sia al momento per proteggere il basamento motore della V85 TT.

Realizzato in alluminio strutturale da 5 mm è più alto e protettivo e la superficie delle griglie di raffreddamento è tripla rispetto all’originale.

Vedi anche:
La gamma Quantum di Sena con audio Harman Kardon

Viene fornito con le staffe in acciaio per il fissaggio che avviene in quattro punti, contro i due dell’originale. Le due spalle laterali sono imbullonate al corpo principale: una miglioria rispetto all’originale, in cui le protezioni dei collettori sono fissate… sui collettori. Come accessorio è disponibile l’estensione paracoppa atta a proteggere la zona del catalizzatore.

7 Paramotore tubolare SW-Motech. Il tratto distintivo dei motori Guzzi sono i cilindri posti trasversalmente: belli, ma in caso di caduta si suda freddo.

Il paramotore tubolare in acciaio verniciato a polvere avvolge le teste in corrispondenza del coprivalvole e della parete esterna, offrendo maggiore protezione rispetto all’originale e, a differenza di quest’ultimo, non si fissa al basamento del motore ma al telaio.

Il tubolare si presta a ospitare i faretti LED EVO Fog Light di SW-Motech, impermeabili con classe di protezione IP69 e dotati di cablaggio completo.

Abbiamo preferito i fendinebbia ai fari di profondità per avere una migliore illuminazione della strada in prossimità della moto e nei tornanti, un po’ come fossero cornering light. Per fissarli al paramotore abbiamo usato i morsetti per protezioni tubolari SW-Motech.

8 Paramani SW-Motech BBStorm. La protezione delle leve manubrio è affidata a questi paramani con una robusta anima in alluminio verniciato a polvere, con due punti di attacco e calotta in plastica. Li abbiamo completati con un’ulteriore contrappeso sagomato a protezione della barra di alluminio.

9 Protezione faro Mytech. Realizzata in alluminio anodizzato e policarbonato, la mascherina segue le linee del faro della V85 TT proteggendolo dalle raffiche di brecciolino sia in fuoristrada che su asfalto. La sua particolarità è il sistema di sgancio rapido che permette con un solo gesto di accedere al faro per pulirlo.

Dello stesso produttore, oltre alla piastra di allargamento per la base cavalletto, abbiamo installato la protezione della coppia conica del cardano in tubolare d’acciaio da 18 mm per riparare il prezioso componente da cadute e urti accidentali durante la guida in fuoristrada.

Vedi anche:
Quattro scarichi da Exan per l'Honda Africa Twin

V85 TT: un bagaglio di 125 litri e oltre

10 Valigie in alluminio Mytech Model-X. Le valigie a marchio Moto Guzzi sono prodotte da Mytech, ed è per questo che la nostra scelta è ricaduta sul produttore italiano, che ci ha convinti per il telaio da 18 mm poco sporgente e sagomato intorno alle linee della moto, la qualità costruttiva generale e le soluzioni versatili.

Le valigie Model-X sono interamente realizzate in alluminio, con fondo e coperchio imbutiti e stampati in un pezzo unico, fissati al corpo con ribattini in acciaio inox. I paraspigoli in plastica, sostituibili, hanno funzione protettiva e non strutturale.

Il coperchio ha gli occhielli in acciaio per le cinghie e può essere aperto da entrambi i lati o completamente rimosso grazie alle due robuste cerniere in acciaio con chiave.

Il sistema di aggancio è in solido acciaio: la valigia si attacca con un clic e si assicura con la chiave, e si rimuove tirando la leva ben visibile.

Se le valigie in alluminio per V85 TT di Moto Guzzi sono disponibili solo con capienza di 32+39 litri e sono solo in grigio, il produttore offe maggiore scelta.

Abbiamo optato per il set più grande, con valigia dritta da 48 litri accoppiata a quella da 41 con l’incavo per lo scarico, verniciate in nero e con angolari dello stesso colore (questi ultimi sono disponibili in più colorazioni).

11 Tool Case Mytech per V85 TT. La cassetta degli attrezzi in alluminio da 1,5 mm ha una capienza di 2,8 litri e chiusura impermeabile con chiave. Il volume è sufficiente a contenere un set di attrezzi essenziali, kit di riparazione tubeless e compressore.

Vedi anche:
eCall di BMW, una telefonata allunga la vita

L’accessorio include gli attacchi specifici per V85 TT ma può essere montato anche sui telai portavaligie: è un buon modo di occupare prezioso spazio solitamente inutilizzato.

12 Piastra portatutto a sgancio rapido Mytech. La piastra è realizzata in alluminio verniciato a polvere dello spessore di 4 mm e offre un ampio piano di appoggio a sacche stagne e borsoni, ed è dotata di asole e occhielli per il passaggio delle cinghie.

La sua particolarità è lo sgancio rapido che permette di fissarla rapidamente al telaio del bauletto Model-X solo quando serve – ad esempio in caso di borsa stagna con tenda e sacchi a pelo – ed essere rimossa altrettanto rapidamente per l’uso urbano o per mettervi borse di ridotte dimensioni.

13 Borsa posteriore SW-Motech PRO Roadpack. Perfetta per l’utilizzo urbano o per trasportare il drone nelle uscite fotografiche, la borsa posteriore si fissa ovunque tramite cinghie con gancio regolabili.

È realizzata in nylon balistico 1680 D ed è dotata di sistema MOLLE sul coperchio in EVA indeformabile. La capienza di 8 litri può essere portata a 14 tramite la zip perimetrale intorno al fondo.

14 Borsa serbatoio SW-Motech PRO Enduro WP: La borsa da serbatoio si fissa tramite cinghie ed è completamente impermeabile grazie al doppio coperchio, di cui quello superiore con chiusura magnetica, e al corpo saldato in TPU senza cuciture.

La tasca a vista nel coperchio può ospitare uno smartphone o una cartina, mentre il corpo principale permette di alloggiare comodamente una borsa da fotocamera reflex, ed è dotato di divisorio interno.

Le due tasche laterali sono molto strette perciò non interferiscono con il manubrio durante le manovre da fermo. Il sistema MOLLE sul coperchio consente di agganciare un portamappa impermeabile o altri accessori.