BMW K1600: l’ammiraglia a sei cilindri si rifà il trucco

Presentata nel 2010, la K1600 ha affinato le sue peculiarità tecniche e funzionali improntate al comfort e alla efficacia meccanica, particolari da sempre cari al marchio bavarese.

Per il 2022 BMW propone quattro varianti GT, GTL, B e Grand America – della sontuosa tourer spinta dall’ormai classico sei cilindri in linea il quale acquisisce, oltre alla normativa Euro 5, il nuovo sistema di gestione elettronica BMS-O, nuovi sensori di detonazione, due sonde lambda aggiuntive e l’MSR, vale a dire il controllo della coppia di trascinamento del motore.

Se la potenza resta invariata (160 CV) il raggiungimento del picco massimo di erogazione scende a 6.750 giri – mille rotazioni in meno rispetto alla versione precedente – mentre sale a 180 Nm il valore massimo di coppia, usufruibile a 5.250 giri, e calano le emissioni.

Vedi anche:
GS Trophy 2018: destinazione Mongolia

L’ESA di nuova generazione garantisce invece nuovi livelli di comfort di marcia e di sicurezza, oltre alla compensazione automatica della posizione di guida a seconda del livello di carico della moto. La strumentazione conta ora su un display TFT a colori da 10,25” con navigazione e connettività integrate.

L’illuminazione è affidata a un impianto full LED con luci adattive, mentre l’impianto audio 2.0 è di serie sulle K1600 GTL e Grand America e opzionale su K1600GT e K1600 B.

Le nuove BMW K1600 GT, GTL, B e Grand America sono disponibili con tre differenti opzioni cromatiche: una variante base, una di stile e l’Option 719, la cui versione “Midnight” – disponibile solo per K1600 B e K1600 Grand America – offre una verniciatura in Meteoric Dust II metallizzata, ottenuta con stampa idrografica a immersione.