come legare i bagagli alla moto

La guida per legare i bagagli alla moto

Nell’organizzazione di una vacanza su due ruote è fondamentale sapere come legare i bagagli alla moto. Tutto dovrà essere sapientemente studiato per non ritrovarsi a viaggiare con gli zaini che intralciano la guida o interferiscono con la dinamica del mezzo.

di Riccardo Fiabane


Ecco allora un pratico vademecum su come legare i bagagli alla moto.

A cosa fare attenzione

Una delle prime cose da tenere sempre presente quando si sistemano i bagagli sulla moto è quella di prevedere una loro collocazione nella parte più bassa, in modo da non alzare il baricentro complessivo del mezzo.

I bagagli situati in alto potrebbero interferire in modo negativo con tutte le operazioni di guida, destabilizzare l’assetto della moto e influire negativamente su tutte quelle manovre che potrebbero determinare la sicurezza sulle due ruote (come ad esempio una frenata brusca oppure un tratto di strada sconnesso).

Vedi anche:
Travellers Camp Urban: lezioni di volo oltre quota 5.000

I pesi bilanciati

Quanto appena affermato potrebbe a una prima occhiata apparire in contraddizione con la progettazione dello spazio destinato al bauletto della moto, che si trova già installato oppure dispone di apposito spazio proprio nella parte alta. Tuttavia il bauletto è fermamente fissato alla moto e si trova al centro: due caratteristiche che aiutano a prevenire il rischio di interferenze.

Innegabile la sua utilità, a patto però di utilizzarlo facendo la massima attenzione a rispettare la capienza massima in chilogrammi prevista e la velocità massima percorribile.

Accessori sfusi

Il bauletto non riesce a contenere tutto il necessario per un lungo viaggio? Una soluzione potrebbe essere l’utilizzo di uno zaino, consapevoli del fatto che può costituire un serio pericolo per collo e vertebre in caso di caduta.

Da ricordare poi che uno zaino non rappresenta mai un sostituto delle protezioni per la schiena e per la spina dorsale, anzi potrebbe addirittura rendere inefficace la sicurezza che offrono questi dispositivi modificando la dinamica della caduta e facendo in modo che sia la pancia a grattugiarsi sull’asfalto.

Vedi anche:
Dakar 2022: la presentazione presso Enduro Republic

Come legare i bagagli alla moto

Quello che non trova spazio nel bauletto della moto può invece essere inserito nelle borse laterali: accessori preziosi da tenere sempre in garage e montare all’occorrenza. La regola però vuole che siano sempre in coppia e che gli oggetti da collocare all’interno vengano equamente divisi tra le due: è sconsigliato montarne o riempirne solo una, per non causare uno sbilanciamento della moto.

In alternativa è possibile posizionare i bagagli sul sedile del passeggero, ovviamente se si viaggia da soli e solo dopo essersi assicurati di averli saldamente fermati con l’apposita rete elastica (ragno) o con le cinghie. A questo proposito è importante sottolineare che è sempre bene assicurarsi che non rimangano cinghie svolazzanti e ganci del ragno che penzolano pericolosamente dalla sella, per prevenire il rischio che possano andare a impigliarsi nella catena, nel cerchione posteriore o nella corona.

Vedi anche:
Pneumatici Anlas Winter Grip Plus, la prova invernale ed estiva

Ragno e cinghie possono rivelarsi accessori preziosi anche quando il bagaglio è così capiente da rendere consigliabile la sostituzione del bauletto con un comodo borsone grande morbido.

In occasione di una gita in campeggio in coppia, ad esempio, quando il sedile posteriore è riservato al passeggero e borse laterali e bauletto da moto possono essere insufficienti per stivare tenda, materassini e sacco a pelo, potrebbe essere un’ottima soluzione quella che prevede l’utilizzo della piastra per il portapacchi posteriore come base di appoggio per un borsone capiente morbido, da affiancare magari a due bauletti laterali.

Rimane ancora da sciogliere un dubbio: meglio le cinghie o il ragno per fermare il tutto?

Vedi anche:
La nuova linea di borse morbide da KAPPA

Cinghie

La cinghia a trazione è uno dei sistemi più utilizzati per legare una borsa al portapacchi della due ruote. In realtà vi sono due scuole di pensiero: quella che sostiene di avere nella praticità di un elastico il suo sistema di fissaggio ideale e quella che invece tende a premiare la maggiore solidità della cinghia.

Certamente l’obiettivo è quello di evitare di perdere il proprio carico mentre si percorrono strade anche a grande velocità, per cui è comunque importante non perdere l’occasione, anche durante una breve sosta, per dare un’occhiata al portapacchi e assicurarsi che le cinghie non si stiano allentando. Le vibrazioni potrebbero infatti influire sull’assestamento del carico, modificando così la tensione delle cinghie.

Ragno

Il ragno può rivelarsi utilissimo quando vi è necessità di fermare saldamente al piano d’appoggio posteriore della moto oggetti di grandi dimensioni che non riusciranno così a scivolare via grazie alle maglie presenti in questo elemento. Semplice e veloce da fissare permette di essere montato solo quando serve, senza modificare il look della moto, e viaggiare con i bagagli in sicurezza. In più costa davvero pochissimo.

Vedi anche:
RoadBook e l'educazione stradale dei motociclisti di domani

Il consiglio è comunque quello di optare per un ragno moto di qualità e di dimensioni appropriate, per evitare di ritrovarsi a dover compiere più giri per poterlo agganciare. Anche i ganci sono importanti ed è fondamentale assicurarsi che il sistema di fissaggio dell’elastico offra una sensazione di stabilità.

Una soluzione ottimale ed estremamente sicura per fermare un borsone potrebbe essere quella che vede la presenza di due cinghie a trazione, con elastico incrociato a X, e di un ragno: se tutto viene accuratamente messo in trazione sarà praticamente impossibile perdere il bagaglio.