Due notti sotto le stelle, tre giorni di viaggio, dieci moto vintage e 400 chilometri (di cui l’80% off road fra sterrati veloci e vecchie carrereccie) sulle strade della Sardegna. Dust’n Sardinia è un giro non competitivo di tre giorni da percorrere su moto in stile scrambler, new retrò o d’epoca, rinunciando quindi a buona parte delle comodità del quotidiano.

Si passerà una notte in un campo tendato in uno dei luoghi più suggestivi della Sardegna, con il tramonto sul mare; un’altra in agriturismo nell’entroterra, all’ombra di un nuraghe; non mancherà comunque l’assistenza, fornita da un veicolo 4×4 adibito anche al trasporto bagagli.

Dietro la sigla Moto Taccuino si celano Alessio Ferrari e Nicola Manca, due amici che hanno deciso che a ogni loro viaggio avrebbero aiutato le persone del territorio attraversato. Hanno ora dato vita a questo nuovo progetto, in programma dal 25 al 27 maggio, il cui ricavato totale, al netto dei costi, aiuterà l’allestimento di una spiaggia per i malati di SLA a Maladroxia, Sant’Antioco. Si tratta dell’unico litorale allestito per malati di questo tipo in tutta l’isola ed è gestito dall’associazione Le Rondini.

Un nuovo modo di vivere la Sardegna, quella vera, selvaggia e meravigliosa, e fare del bene. L’evento, in collaborazione con Asphalt & Gravel, partirà da Cagliari il 25 maggio ma, viste le numerose richieste, c’è già una nuova data: 21-23 settembre 2018.