In prova: casco modulare apribile Caberg Tourmax X

Il casco modulare apribile con frontino parasole Caberg Tourmax X guadagna la più recente e rigorosa omologazione ECE 22.06. L’abbiamo provato durante la realizzazione di un servizio sull’Alta Via dei Monti Liguri.

di Antonio Femia


Caberg è stato il primo produttore a sviluppare un casco modulare apribile dotato di frontino parasole, anello di congiunzione tra il touring e il fuoristrada. Il Caberg Tourmax nasce nel 2014 e ha ispirato una intera categoria di caschi.

L’edizione 2023 del collaudato casco apribile con frontino è identificata dalla lettera X ed è caratterizzata dall’omologazione ECE 22.06 P/J. Questo vuol dire che è utilizzabile anche in configurazione aperta grazie al selettore sulla sinistra che blocca la discesa della mentoniera.

Vedi anche:
Al via gli Spidi Tour da luglio a ottobre 2023

Il sistema di apertura fa sì che il frontino si avvicini alla visiera quando si alza la mentoniera con lo scopo di ridurre l’ingombro complessivo: il sistema è efficace ma il frontino sporge ugualmente generando l’effetto vela che si voleva evitare.

Poco male, perché il buon senso suggerisce comunque di chiudere il casco quando si viaggia a velocità extraurbane. In compenso, a mentoniera chiusa, il frontino si inserisce bene nell’aerodinamica generale del casco, ben studiata ed efficace.

Il parasole non innesca mai turbolenze, oscillazioni o tremolii indesiderati, ed è abbastanza lungo da assolvere bene alla sua funzione.

In generale la calotta esterna in ABS risulta ben modellata e il sistema di chiusura della mentoniera è solido e senza schricchiolii. Il peso complessivo si attesta a 1.620 grammi, distribuiti uniformemente e con un bilanciamento che non affatica il collo.

Vedi anche:
In prova: valigie Mytech Superleggera in fibra di carbonio

A convincere meno sono i controlli dei meccanismi: il tasto rosso al centro della mentoniera per l’apertura della stessa, per quanto grande, è difficile da individuare e premere con i guanti invernali.

Il tasto per l’apertura dell’aerazione sulla fronte è molto piccolo e difficile da trovare con i guanti, anche perché “nascosto” al tatto dal frontino;

La leva del visierino parasole interno, dalla corsa molto lunga, si trova sulla sommità della calotta, difficile da raggiungere e manovrare soprattutto con abbigliamento invernale, il quale rende necessario reclinare la testa.

Il tasto per il blocco della mentoniera, posto sul lato sinistro, è facilmente raggiungibile ma piuttosto duro da azionare.

Vedi anche:
Benelli TRK 702: in prova la media tanto attesa

La visiera offre un buon campo visivo laterale, leggermente limitato in basso dalla mentoniera massiccia atta a ospitare le prese che convogliano l’aria sulla visiera.

Dispiace che rimangano sempre aperte, anche perché si nota un certo appannamento della parte inferiore della visiera al calare delle temperature.

In ogni caso il Pinlock 70 di serie provvede a mantenere la visione chiara, e le canalizzazioni nella calotta interna fanno il loro lavoro portando la ventilazione della testa a livelli sufficienti.

Gli interni removibili e lavabili sono molto confortevoli e prendono rapidamente la forma della testa mantenendo consistenza e sostegno. Il risultato è una calzata aderente ma non soffocante, da subito comoda e che non stanca dopo una giornata di viaggio.

Vedi anche:
In prova: valigie e top-case in alluminio Mytech Model-X

Il casco è predisposto per il sistema di comunicazione Bluetooth Pro Speak Evo, ed è quindi in grado di ospitare anche i dispositivi di altri produttori (noi l’abbiamo usato con un SENA 50R con buoni risultati).

Nel complesso il casco modulare apribile Caberg Tourmax X è un casco capace di offrire un buon comfort generale, privo di spifferi e con un isolamento acustico decente: una buona soluzione per affrontare i viaggi come la routine urbana.

Caberg Tourmax X
Comfort
8
Silenziosità
6
Visibilità
7
Pro
Aerodinamica
Peso
Vestibilità
Contro
Controlli scomodi
Ventilazione migliorabile
Effetto vela con mentoniera aperta
7
Totale