RoadBook 36, pronti per la strada

Il numero 36 di RoadBook sta raggiungendo le edicole, come sempre ricco di itinerari e approfondimenti sul mondo dei viaggi in moto, i personaggi e le novità che vi ruotano intorno.

La cover story di questo numero riguarda un marchio che, a detta di qualcuno, avrebbe poca attinenza con la sabbia, le dune del deserto e i grandi viaggi in generale. Ragion per cui siamo andati in Tunisia a cavallo di una Harley-Davidson Pan America per seguire le tracce di Erwin Rommel e della sua fantomatica pista.

La sezione Panorami e Sapori si completa con un poker di destinazioni nostrane che parte dai castelli del Friuli-Venezia Giulia, tocca il Lazio grazie al Superbus – evento dedicato alla scoperta della Tuscia e degli Etruschi – scende tra i caldi colori della Sicilia e termina in Sardegna con l’esplorazione di piccoli paesini della Barbagia.

Vedi anche:
Secondo RoadBookRaid in sella alle BMW F 850 GS

Poi proseguiamo sulla strada con il resoconto della ormai affermata, e rinomata, 1000Curve e con una interessante disamina che riscopre, dopo la lunga emergenza sanitaria, il piacere e le peculiarità del campeggio d’avventura.

Spostandoci oltre confine troveremo interessanti itinerari attraverso le strade della Mitteleuropa, del Portogallo e del primordiale deserto della Namibia. A contorno di tutto ciò ci sono le classiche rubriche, oltre alla prova degli pneumatici Metzeler Tourance Next 2 e delle valigie in fibra di carbonio Mytech Superleggera.

A chiudere questo numero di RoadBook ci pensano le storie de La MotoTerapia – che coniuga il motociclismo con l’attenzione verso le persone alle prese con i problemi relativi allo spettro autistico – e il racconto del viaggio nel continente americano di Fabrizio Cedrati.

Vedi anche:
In due dal Bosforo all’Agnellotreffen

Quindi non vi resta che correre in edicola per procurarvi la vostra rivista preferita, alla quale vi consigliamo caldamente di abbonarvi in modo da riceverla comodamente a casa in anteprima; ai nomadi incalliti e a chi vuole stare leggero consigliamo invece l’abbonamento alla versione digitale, per avere RoadBook sempre con sé.