come scegliere il casco da moto

Come scegliere il casco giusto da moto

Al momento dell’acquisto può capitare di trovarsi immersi in decine di modelli e sigle delle quali magari non si conosce bene neppure il significato. Il rischio è quello comprare un casco che potrebbe non essere ideale per le proprie esigenze. Ecco allora una serie di indicazioni per capire qual è il miglior casco da moto per ogni motociclista.

di Riccardo Fiabane


Il tipo di utilizzo

Che uso facciamo della moto? Questa domanda potrebbe apparire scontata ma in realtà è il primo quesito da porsi per garantirsi una protezione per la testa ideale. Sappiamo tutti la differenza tra un casco integrale e un casco jet o un casco modulare, ma un’analisi dettagliata potrà aiutarci a comprendere quando prediligere un modello piuttosto di un altro.

Casco jet

Per chi è appassionato di turismo oppure utilizza la moto per gli spostamenti in città e per percorrere la distanza tra la casa e il luogo di lavoro, allora il casco jet potrebbe essere perfetto. Sia il casco jet che il casco demi jet sono infatti provvisti di un visierino parasole integrato, di una visiera lunga protettiva e hanno la predisposizione per l’interfono Bluetooth.

Vedi anche:
Stivali da donna iXS Tour Comfort-High, rialzati di 6 cm

Grazie alla visierina parasole non si rischia di rimanere abbagliati mentre si è alla guida, mentre la visiera lunga assicura una buona protezione da vento e acqua in caso di temporali improvvisi. Da non sottovalutare neppure la predisposizione Bluetooth, che consentirà non solo di impostare il navigatore ma anche di effettuare e ricevere telefonate, e rimanere in contatto con il passeggero.

Con buoni livelli generali di protezione offerti, i caschi jet e demi jet possono rivelarsi utilissimi anche in occasione di viaggi turistici in moto a breve e medio raggio.

Casco integrale

Chi sceglie un casco integrale lo fa soprattutto per l’elevato livello di sicurezza. Realizzati con materiali all’avanguardia e caratterizzati da grafiche accattivanti, i caschi si presentano leggeri, resistenti e aerodinamici. La protezione per la testa è davvero ottima, sia che si tratti di una performance in pista sia che invece si intenda concedersi una gita in moto a medio-lungo tratto, ma non è difficile imbattersi in chi sceglie di garantirsi la massima sicurezza anche negli spostamenti quotidiani.

Vedi anche:
Stivali Gaerne per il turismo a medio e lungo raggio

Nella scelta del miglior casco integrale è fondamentale valutare con attenzione la varietà di accessori compresi: visierino parasole integrato, predisposizione per interfono e materiali particolarmente leggeri come la fibra potranno fare la differenza in termini di comfort e vestibilità.

Casco modulare

Il casco modulare è quello che prevede la mentoniera apribile o removibile. Sono indicati sia per coloro che prevedono un utilizzo cittadino sia per chi invece intende indossarlo in occasione di spostamenti a medio-lungo raggio. Come scegliere il miglior casco modulare? Un ottimo punto di partenza potrebbe essere quello di selezionare solo modelli che prevedono la doppia omologazione P/J. Questi infatti sono realizzati per garantire protezione sia da aperti sia da chiusi.

Vedi anche:
V100 Mandello e nuova fabbrica Moto Guzzi: visioni di futuro

Scegliendo invece un casco che dispone solo dell’omologazione integrale avremo a disposizione un dispositivo che potrà essere utilizzato correttamente solo con la mentoniera chiusa, anche se in caso di sosta saprà offrire un comfort immediato grazie alla possibilità di aprire la mentoniera rapidamente.

Questa è forse la caratteristica più amata da coloro che scelgono un casco modulare per i loro spostamenti. Anche in questo modello è possibile trovare l’occhialino parasole a scomparsa, azionabile con un semplice gesto all’occorrenza, e la predisposizione per l’interfono Bluetooth.

Come capire la taglia giusta

Un altro elemento fondamentale nella scelta del miglior casco da moto è quella che riguarda la taglia. Se un casco troppo piccolo risulterà impossibile da indossare, uno troppo grande non potrà garantire adeguata sicurezza e protezione. Come individuare la taglia giusta del casco da moto? Un ottimo sistema è quello di misurare la circonferenza della testa, usando un semplice metro da sarta.

Sarà sufficiente collocarlo alla base del cranio, appena sopra le orecchie, e misurare la circonferenza cranica. A quel punto annotare i centimetri prima di recarsi in un negozio specializzato e trovare la misura dell’elmetto che corrisponde: ogni modello riporta infatti anche questa indicazione insieme alla taglia dichiarata dal produttore, con le misure espresse in centimetri.

Vedi anche:
eCall di BMW, una telefonata allunga la vita

I benefici del casco giusto

Trovare il casco ideale per le proprie esigenze è fondamentale per garantirsi sempre viaggi su due ruote comodi e confortevoli, ma soprattutto sicuri. Solo grazie a un’attenta analisi dell’impiego che andremo a farne saremo in grado di scegliere quello più adatto, tra caschi jet, caschi demi jet, caschi integrali e caschi modulari.

Indubbiamente un casco jet offre un comfort ottimale in particolar modo quando utilizzato per gite o spostamenti nella stagione più calda, ma difficilmente potrà offrire un livello di protezione pari a quello offerto da un casco integrale quando, ad esempio, corriamo in pista. Il casco modulare con omologazione P/J riesce a garantire una adeguata protezione durante i viaggi a lungo raggio e al tempo stesso il comfort di un casco jet in spostamenti cittadini o durante le soste fatte per sgranchirsi le gambe.

Vedi anche:
Casco Scorpion EXO 1400 Air in versione Carbon

Amate viaggiare in coppia? Non potrete farvi mancare un casco con predisposizione per l’interfono Bluetooth che vi permetterà di rimanere in costante contatto anche con il passeggero.

Ribadiamo la necessità di individuare il casco della giusta taglia, magari anche provandolo se deciderete di acquistarlo in un negozio tradizionale o facendo particolare attenzione alle indicazioni fornite dal produttore nel caso in cui vogliate acquistare il casco online. Al momento della prova bisogna anche verificare che il cinturino, una volta ben chiuso, non fuoriesca dal mento e che tirando dalla nuca il casco non venga scalzato. Il cinturino deve ovviamente aderire ma continuare a permettere la deglutizione.

Accessori, materiali e omologazioni sono alla base della sicurezza, per cui non esitate a spendere magari qualche euro in più per garantirvi un casco dalle performance ottimali.