abbigliamento moto le novità presentate all'EICMA 2017
abbigliamento moto le novità presentate all'EICMA 2017

Come pulire il casco da moto: consigli utili

Moscerini, sudore, agenti atmosferici e inquinamento sono fattori che possono mettere a rischio l’igiene del casco. Per evitare che compromettano estetica e sicurezza è quindi importante provvedere a una corretta manutenzione periodica.

di Riccardo Fiabane


Fortunatamente pulire il casco (integrale, jet o modulare) non è affatto difficile. Vediamo allora come pulire il casco in modo veloce ed efficace sia al rientro da un pomeriggio di motocross che dopo un viaggio in moto.

Smontare il casco

Il primo passaggio consiste nello smontaggio del casco. Sia che si tratti di un casco integrale, di uno modulare o di un jet da città, infatti, solo in questo modo sarà possibile raggiungere tutti i punti altrimenti difficili da pulire, agendo su ognuno in modo minuzioso. Via via che vengono smontati i vari pezzi sarebbe opportuno segnarsi i passaggi e magari fare anche qualche scatto con lo smartphone, per non impazzire poi nel rimontaggio.

La prima parte da smontare dovrà essere la visiera, che solitamente è trattenuta da un meccanismo di clip. Alcuni modelli possono anche prevedere delle piccole viti di fissaggio che potranno essere asportate con una chiave a brugola. Se il casco prevede anche la lente Pinlock bisogna staccarla per pulirla separatamente.

Vedi anche:
LS2 Nevada, il completo tre strati per il mondo touring

Subito dopo aver tolto la visiera è il momento di occuparsi delle parti interne del casco: le prime da asportare saranno le protezioni per le guance, per proseguire poi con il colletto e infine il copricapo. A questo punto rimne solo la maschera, dopo di che è possibile iniziare la fase di lavaggio.

Pulire la visiera

Per pulire la visiera è possibile utilizzare delle salviette umidificate specifiche disponibili in commercio, come ad esempio il set di Liqui Moly. Il detergente già presente sulle salviette è perfetto per la pulizia della visiera, in quanto sgrassa senza essere troppo aggressivo chimicamente e, cosa più importante, non graffia la superficie.

Quello dei graffi è sicuramente il rischio maggiore a cui si può andare incontro nella pulizia della visiera. Per evitarli è possibile metterla a bagno in una bacinella con dell’acqua tiepida, che ammorbidirà i moscerini se questi sono lì da parecchio tempo.

Vedi anche:
La Dakar 2018 come una serie TV

Per una pulizia giornaliera, volta a rimuovere gli insetti che possono essersi depositati durante una gita in moto, basterà passare la salviettina su tutta la visiera. Quando invece si ha necessità di effettuare una pulizia approfondita è consigliabile smontare la visiera per poter passare il pannetto anche nei punti più vicini all’aggancio. In entrambi i casi evitare di far asciugare la visiera all’aria o al sole, che potrebbero provocare macchie, ma asciugarla aiutandosi con un panno in microfibra.

Volendo, dopo l’asciugatura, è possibile stendere sulla visiera un velo di spray repellente specifico che formerà una pellicola invisibile sulla quale le gocce d’acqua scivoleranno con maggiore facilità. Questo trattamento speciale può rivelarsi il tocco veramente prezioso in particolar modo quando un temporale sorprende durante un viaggio in moto: in quel caso la pellicola invisibile permetterà di far scivolare anche l’acqua che viene schizzata dai mezzi che precedono. Inoltre renderà molto più facile anche la rimozione dei moscerini in futuro.

Vedi anche:
L'airbag meccanico A-BAG FULL LINK di ALIKE

Pulire la calotta

Un’accurata pulizia della calotta permette di mantenerla efficiente. Per lavarla nel migliore dei modi occorre un panno in microfibra o comunque morbido, per non rischire di graffiare la superficie, un po’ di acqua tiepida e del sapone neutro o del detersivo per piatti. L’acqua aiuterà ad ammorbidire le incrostazioni rendendone più facile la rimozione, mentre il sapone neutro assicurerà una pulizia efficace e delicata al tempo stesso.

Per la pulizia degli angoli è possibile aiutarsi con un vecchio spazzolino da denti con setole morbide. A questo punto risciacquare con dell’acqua e asciugare bene la calotta aiutandosi con un panno morbido o in microfibra.

Lavare gli interni rimovibili

La gommapiuma presente all’interno del casco è già pretrattata con antibatterici. Tuttavia può accadere che, con il passare del tempo, inizi a emanare cattivo odore, soprattutto se si ha l’abitudine di riporre i guanti per moto all’interno del casco.

Vedi anche:
A scuola di Gibraltar Race, alla quarta edizione ci saremo anche noi

Le imbottiture sono costantemente a contatto con la pelle e il sudore può sporcarle. Una volta rimosse, partendo dalla cuffia per arrivare fino ai guanciali, è possibile lavarle in lavatrice impostando un programma delicato (max 30°C) oppure sottoporle a un lavaggio a mano. Lasciarle asciugare all’aria, evitando l’asciugatrice perché le fonti di calore dirette potrebbero causarne il restringimento.

Consigli per la manutenzione

La pulizia periodica del casco non contribuisce solo al suo design ma anche e soprattutto alla sicurezza di chi lo indossa. La pulizia effettuata quotidianamente impedirà a moscerini e insetti che si sono attaccati sulla visiera e sulla calotta di seccarsi trasformandosi in incrostazioni veramente difficili da rimuovere.

Se per qualche motivo non è stato possibile effettuare la pulizia subito, è consigliabile lasciarli ammorbidire immergendo le parti che possono essere lavate in una bacinella con dell’acqua tiepida.

Nel caso di casco con rifiniture opache è bene considerare che tenderà a macchiarsi più facilmente. In questo caso per rimuovere la polvere accumulata per strada e lo smog depositato sulla calotta sarebbe opportuno ricorrere a del detersivo per piatti, che con il suo elevato potere sgrassante permetterà di pulire delicatamente ed efficacemente il casco opaco.

Vedi anche:
Tre curiosità alla partenza della terza Gibraltar Race

Per stendere un velo di detersivo per piatti è possibile aiutarsi con un panno in microfibra inumidito; dopo averlo passato su tutta la superficie procedere con il risciacquo con abbondante acqua e poi asciugare bene. Evitare di bagnare le parti in polistirolo, che si deformerebbero a contatto con l’acqua.

Può apparire superfluo ma è sempre bene ricordare che è altamente sconsigliato pulire la visiera del casco in movimento. Se si sporca mentre viaggiamo è preferibile fermarsi per pulirla, mentre poi una volta giunti a casa potremmo dedicarci ad una pulizia più approfondita con smontaggio dei componenti e successivo rimontaggio.

Il lavaggio accurato richiede calma, pazienza e attenzione per dare ottimi risultati. E poi, se state facendo grandi pulizie potete trovare anche la nostra guida per pulire la giacca da moto.