40 volte Dakar

Era il 1977 quando Thierry Sabine si perse nel deserto del Ténéré, in Africa, mentre stava partecipando al rally Abidjan-Nizza. Un errore di navigazione, una distrazione e si trovò fuori traccia; fu recuperato solo dopo tre giorni. Dopo questa disavventura che poteva costargli la vita, una volta tornato a casa, aveva in mente solo una cosa: organizzare la corsa off road più dura al mondo.

La prima edizione della Parigi-Dakar si tenne nel 1979 e quella del 2018, in partenza il 6 gennaio, sarà l’edizione del quarantennale. Solo nel 2008 non si svolse a causa dell’elevato rischio di attentati lungo il percorso. Dal 2009 la competizione si spostò dal continente africano al Sud America.

Vedi anche:
RoadBook e l'educazione stradale dei motociclisti di domani

Deserti di sabbia, laghi salati, pianure sconfinate, catene montuose, piste che si perdono verso orizzonti lontani. Gli occhi dei piloti che hanno corso finora alle varie edizioni della Dakar hanno visto paesaggi e bellezze inimmaginabili.

Curiosità

Nel 1981 alla partenza si è vista anche una Rolls-Royce preparata ad affrontare le difficili piste africane.

Nel 1982 il baronetto Mark Thatcher, figlio del primo ministro britannico Margaret Thatcher, si perse nel deserto del Sahara tra Algeria e Mali. Un immenso spiegamento di forze, tra cui anche la RAF, si dedicò alle ricerche. La lady di ferro si trovò costretta a chiedere aiuto anche ai militari algerini, che ritrovarono il figlio Mark e il suo co-pilota dopo giorni di ricerche.

Vedi anche:
KTM 1290 Super Adventure R, le nostre modifiche per viaggiare

Nel 1988 a uno dei piloti del team Peugeot fu rubata l’auto, una 405 T, con cui stava correndo la competizione.

Nel 2016 tra le superpompate moto da corsa si è vista passare una piccola 125. In sella a una Husqvarna TE 125 Rally il pilota francese Sylvain Espinasse ha portato a termine la sua impresa, arrivando penultimo al traguardo.

A proposito di curiosità la società organizzatrice ha assemblato un imperdibile video di poco più di otto minuti che propone una sorta di “best of” con brevi spezzoni ed episodi presi dalle diverse edizioni che si sono succedute negli anni.

Vedi anche:
Il Travellers Camp raddoppia, appuntamento in città

La festa a Milano

Infine segnaliamo un evento per tutti gli appassionati della competizione che dovessero trovarsi dalle parti di Milano: il 29 novembre 2017 Ciapa la Moto (via Gardone 22) organizza una serata speciale dedicata alla competizione. A partire dalle 20 Edo Mossi (referente A.S.O. per la Dakar in Italia), Alessandro Botturi (pilota ufficiale Yamaha), Jacopo Cerutti (pilota ufficiale Husqvarna CF Racing), Martino Bianchi (general manager Honda Rally HRC), Fabrizio Carcano (team manager Husqvarna CF Racing) e molti altri saliranno sul palco per raccontare sogni e aspettative che accompagnano le poche settimane che precedono il via. A presentare la serata sarà Alberto Porta.