Le migliori guide per un viaggio in moto in Romania

Chi avesse intenzione di puntare le ruote verso la Romania farebbe bene a sapere che c’è molto di più oltre le inflazionate Transfăgărăşan e Transalpina.

di Dario Tortora


Il Paese offre infatti una ricchissima rete di divertenti strade secondarie ed è anche uno degli ultimi posti in cui si trova abbondanza di sterrate liberamente percorribili.

Su RoadBook 32 vi abbiamo dato un assaggio di Romania con un articolo dedicato alle pittoresche regioni Maramureș, Bucovina e Transilvania. Ma il compendio definitivo l’hanno realizzato i ragazzi di Carpathian 2 Wheels Guide, veri esperti di ogni angolo del Paese.

Vedi anche:
HV 30 Montauk, il casco adventure di Hevik

Sul loro sito si possono acquistare splendide guide e mappe (dette “motoatlanti”) a cui fare riferimento per organizzare un viaggio in Romania, sia per esplorarne il retaggio culturale sia per andare a perdersi per strade forestali, fra orsi, monasteri dipinti e chiese in legno.

Le mappe sono estremamente dettagliate (fino a 1:80.000), riportano i principali luoghi di interesse e le tratte più panoramiche; è pure sempre presente un’indicazione della percentuale di strada sterrata e di eventuali tratti difficili.

I testi sono in inglese, ma l’aspetto più interessante è che per quasi tutte le guide sono disponibili anche le relative app (per iOS e Android, alcune gratuite in formato ridotto per farsi un’idea) tramite le quali è possibile consultare le stesse mappe offline e le tracce dei percorsi.