In prova: pneumatici Metzeler Tourance Next 2

Abbiamo provato sul campo i Metzeler Tourance Next 2 in occasione di un viaggio in Tunisia (che vi raccontiamo su RoadBook 36). Abbiamo messo alla frusta la quarta generazione dei tuttofare Metzeler, pneumatici da turismo sportivo orientati all’uso su asfalto con ottima tenuta sul bagnato, eccellente longevità e un ricco assortimento di misure. Nonostante un battistrada poco scolpito, non disdegnano di essere portati anche dove finisce il bitume, a patto che ci si limiti a terreni compatti.

di Dario Tortora


Proprio sul battistrada si è concentrato il lavoro dei progettisti Metzeler, con una serie di nuovi brevetti e tecnologie dai nomi astrusi (“Hyperbase”, “Dymatec”, disegno dei tasselli “Multi-pitch”) il cui obiettivo ultimo è garantire prestazioni costanti in vari scenari di utilizzo, lunga durata e un consumo graduale, soprattutto per le pesanti bicilindriche moderne caratterizzate da elevati valori di cavalleria scaricata a terra.

Non va infatti dimenticato che, nonostante la presenza di centraline elettroniche, sensori in ogni dove e piattaforme inerziali a sei assi per domare gli ormai tipici 130-160 CV alla ruota posteriore, il nostro punto di contatto finale con il terreno rimangono proprio gli pneumatici: quanto meglio lavorano per tenerci ancorati al suolo, tanto più efficacemente operano anche tutti gli apparati elettronici di bordo.

Vedi anche:
Corso gratuito posizione di guida e bagaglio moto

Come sono fatti

Per capire come si sono mossi i tecnici della Casa dell’elefante è necessaria una premessa su come vengono costruiti gli pneumatici, che da più di vent’anni sono sostanzialmente composti da tre elementi: la gomma vera e propria (materiale con scarsissima resistenza all’erosione), a cui vengono aggiunti nero di carbonio per migliorare la capacità di sopportare nel tempo trazioni, lacerazioni e abrasioni, e silice, il cui scopo è garantire una migliore aderenza, soprattutto sul bagnato.

Maggiore la percentuale della seconda, migliore sarà la longevità degli pneumatici; viceversa, con una proporzione a vantaggio della terza si otterrà una più efficace tenuta di strada.

Ecco perché tutti gli pneumatici posteriori moderni sono tipicamente a doppia mescola: la sezione centrale ha una maggiore quantità di nero di carbonio per assicurare un chilometraggio superiore, mentre i bordi hanno un contenuto di silice più elevato per garantire la sicurezza in curva.

Vedi anche:
SW-Motech a EICMA con tutte le innovazioni per il 2024

I Tourance Next 2 adottano una mescola con una percentuale di silice superiore all’80% sul battistrada anteriore e addirittura al 100% sui bordi di quello posteriore, con evidenti vantaggi per la tenuta di strada.

La fascia centrale degli pneumatici posteriori è invece multimescola come l’anteriore e, a seconda delle misure, offre una disposizione secondo lo schema consolidato per cui le fasce laterali sono sovrapposte allo strato di mescola più dura, oppure con un nuovo modello brevettato dove sia le fasce laterali sia la mescola centrale sono supportate da una base interamente in nero di carbonio, una formula orientata alla stabilità dinamica e termica.

Interessante infine il design, studiato appositamente in funzione dell’uso tipico con le grosse maxienduro: gli intagli sono dotati di pareti interne con angolazioni variabili a seconda della posizione, così da offrire uniformità di flessione in piega e di usura nel tempo, mentre sono presenti anche degli intagli longitudinali che hanno lo scopo di drenare l’acqua e mantenere la direzionalità fuori dall’asfalto.

Vedi anche:
Kappa Eco Rambler, serie Drifter e top case K4900

La prova su strada e in fuoristrada

Sono tutti bravi a provare gli pneumatici in pista, in condizioni controllate e con imprevisti simulati. Noi invece abbiamo montato le Metzeler Tourance Next 2 su una Harley-Davidson Pan America e le abbiamo messe subito alla frusta in due condizioni reali e veramente estreme: la Serravalle in direzione Genova – un’autostrada che si può definire primordiale – e le micidiali rotatorie di asfalto saponato presenti nella periferia di Tunisi.

La prima impressione è eccellente: nonostante la mole e il lungo interasse tipici della bicilindrica americana si nota subito un’ottima maneggevolezza, con la moto che scende velocemente in piega a tutte le velocità e che in percorrenza di curva trasmette confortevoli certezze; viene subito voglia di alzare il ritmo, ma su asfalto è praticamente impossibile raggiungere il limite di queste gomme, tale è la confidenza che danno.

Ottimo il feedback al manubrio, con le asperità e i mutamenti del fondo stradale che vengono trasmessi in modo sincero e prevedibile, e anche il comfort acustico grazie a un rumore di rotolamento davvero contenuto.

Vedi anche:
Pneumatici GoldenTyre per viaggi estremi, da GT 723 a GT 823

Abbiamo continuato a rilevare un comportamento positivamente uniforme anche quando ci siamo spostati nel sud della Tunisia percorrendo veloci statali, sporche stradine secondarie e anche diversi tratti in calcestruzzo disastrato.

La sensazione di sicurezza è costante ed è veramente un piacere divertirsi a guidare senza doversi preoccupare troppo di cosa scorre sotto le ruote. Anche dandoci dentro non abbiamo mai visto intervenire il controllo di trazione e un paio di frenate d’emergenza durante gli attraversamenti urbani si sono svolte in assoluta sicurezza e in spazi contenuti.

Il nostro viaggio tunisino ha previsto anche delle escursioni fuori dall’asfalto e fintantoché il fondo è rimasto compatto il comportamento è risultato coerente con quanto visto su strada; viceversa le prestazioni sono giocoforza crollate sui fondi sabbiosi e fangosi, ma sarebbe assurdo pretendere diversamente.

Il giudizio finale è quindi abbondantemente positivo, nonostante non siamo riusciti a provarle con temperature rigide e neanche molto a lungo: abbiamo percorso circa 3.000 km maltrattandole senza ritegno e non appaiono segni di consumo irregolare, se non un leggero appiattimento al posteriore che però potrebbe dipendere dall’itinerario.

Vedi anche:
Pneumatici Anlas Capra R – Botte piena e moglie ubriaca

Ecco, un difetto lo segnaliamo: sarebbe ora che l’ufficio marketing si impegnasse a trovare un nome più intrigante di quello attuale, che sembra come i sequel dei film action di successo degli anni 80.

Metzeler Tourance Next 2 è disponibile nelle seguenti misure:

ANTERIORE

19” 100/90 – 19 M/C 57V TL
19” 110/80 R 19 M/C 59V TL
19” 120/70 R 19 M/C 60V TL
19” 120/70 ZR 19 M/C 60W TL
21” 90/90 – 21 M/C 54V TL
21” 90/90 V 21 M/C (54V) TL

POSTERIORE

17” 130/80 R 17 M/C 65V TL
17” 140/80 R 17 M/C 69V TL
17” 150/70 R 17 M/C 69V TL
17” 170/60 R 17 M/C 72V TL
17” 170/60 ZR 17 M/C 72W TL
18” 150/70 R 18 M/C 70V TL
18” 150/70 ZR 18 M/C 70W TL

Metzeler Tourance Next 2
Rapporto Qualità-Prezzo
9
Versatilità
7
Durata
9
Pro
Tenuta di strada
Silenziosità
Longevità
Contro
Poca versatilità fuori dall’asfalto
Rischio di consumo irregolare
Misure all’anteriore limitate a cerchi da 19” e 21”
8.3
Totale