GS Trophy 2018: destinazione Mongolia

Il GS Trophy organizzato da BMW è un evento unico nel suo genere. Ogni due anni si svolge una sorta di competizione in qualche località esotica in cui l’elemento determinante, più che la velocità fine a se stessa, è la cooperazione fra i membri del team per superare ostacoli di varia natura con spirito di squadra. L’anno in cui non si svolge la competizione si tengono le prove di qualificazione in vari Paesi e gli unici requisiti per iscriversi sono possedere una moto BMW e non essere corridori professionisti. I tre vincitori di ogni Paese qualificato vanno a comporre il team nazionale, che si garantisce quindi la possibilità di competere al GS Trophy l’anno successivo, tutto a spese di BMW (attrezzatura e moto comprese).

Vedi anche:
Travellers Camp 2020: il settimo sigillo

Sin dall’esordio nel 2008 i GS Trophy si sono tenuti in Tunisia, Sud Africa, Sud America, Canada e Thailandia. Per l’edizione 2018 è stata scelta una meta da sogno, la Mongolia, fra paesaggi spettacolari e sfide di abilità in un territorio vastissimo conosciuto per le condizioni climatiche estreme e per la scarsissima densità di popolazione.

Presentata come novità nel corso dell’ultima edizione, si ripete anche per il 2018 l’esperienza della squadra interamente femminile. È stato rivisto il processo di selezione: le migliori due di ogni qualifica regionale (che non hanno raggiunto le prime tre posizioni in assoluto) parteciperanno a una speciale qualificazione femminile in cui le migliori saranno selezionate per il team che andrà in Mongolia.

Vedi anche:
Al via la Dakar 2021, si parte il 3 gennaio da Jeddah

Nel frattempo gustiamoci questa splendida gallery relativa all’edizione 2016 in Thailandia e il video ufficiale di presentazione della serie.