Bustine riscaldanti, un piccolo trucco contro il freddo

Viaggiare in moto in inverno ha sempre un grande fascino, ma spesso veniamo scoraggiati dalle basse temperature che possono compromettere il piacere di guida. Esistono diverse soluzioni a questo problema, alcune anche molto economiche.

di Davide Ciriello


Per contrastare il freddo durante le cavalcate invernali, molte Case motociclistiche dotano i loro modelli di manopole e selle riscaldate, diverse aziende di abbigliamento propongono soluzioni efficienti attraverso capi riscaldati (solitamente alimentati a batteria o tramite la presa accendisigari della moto) o anche con le più classiche moffole e copertine.

Queste soluzioni sono ideali quando si ha già la consapevolezza a priori di volersi mettere in sella con temperature rigide e “ci si prepara al peggio”, ma alle volte il freddo può sorprendere inaspettatamente: che sia un cambio di programma che ci porta in quota fuori stagione o ancora per un cambio repentino delle condizioni meteo.

Vedi anche:
Midland BT RUSH: tecnologia Mesh con audio RCF

Spesso, a soffrire di più queste condizioni può essere il passeggero che, avendo un ruolo meno attivo, è più soggetto a indolenzimenti ed esposto al freddo.

Vi suggeriamo però un piccolo accessorio, pratico, economico e poco ingombrante che potete portare sempre con voi sotto la sella o in qualche tasca, per alleviare questa sensazione a mani e piedi in situazioni di emergenza o come ripiego dell’ultimo minuto, per non compromettere il piacere dell’uscita in moto.

Nei negozi di articoli sportivi sono in vendita delle bustine riscaldanti per mani e piedi (spesso utilizzate per alpinismo e sci) in grado di dare un sollievo immediato.

Ne esistono di svariate marche, in confezione singola o multipla, ma sfruttano tutte lo stesso principio. Una volta aperte, il contenuto della busta reagisce con l’aria sviluppando calore. La reazione che si innesca è di tipo esotermico e agisce in modo lento e costante, mantenendo l’emanazione di calore per diverse ore.

Vedi anche:
Honda, come viene fatto un tagliando ufficiale

Le bustine per i piedi sono più sottili, sagomate e offrono un lato adesivo per poter essere fissate alla soletta di scarpe o stivali, mentre quelle per le mani sono solitamente quadrate e leggermente più spesse.

Una volta attivate potete inserirle nei guanti o negli stivali facendo attenzione però a non arrivare al punto di fare sudare le parti a contatto in quanto questo comporterebbe un effetto contrario, raffreddandovi le estremità.

Queste bustine, a differenza di quanto si possa credere, sono a base di sostanze naturali e atossiche (ferro, acqua, cellulosa, carbone attivo, vermiculite, sale e in alcuni casi potassio sodico) e, una volta utilizzate, possono essere smaltite tranquillamente con la spazzatura domestica.